NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Chi saranno i nuovi giocatori della Lega nei prossimi anni?
Avatar utente
crazycry10
Most Valuable Player
Messaggi: 3263
Iscritto il: 10/03/2008, 21:57
NBA Team: Spurs
Località: Napoli

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda crazycry10 » 26/11/2016, 4:09

Mussini è ormai la 4 guardia a St. John's...male male
RESISTENZA BELINELLI n.2
RESISTENZA BARGNANI n. 77

Avatar utente
The Huge
Moderatore
Messaggi: 10384
Iscritto il: 07/03/2007, 16:06
NBA Team: Olimpia Milano
Località: Milano
Contatta:

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda The Huge » 26/11/2016, 12:11

crazycry10 ha scritto:Mussini è ormai la 4 guardia a St. John's...male male


Seguo quasi nulla, ma se è così è il caso che il ragazzo torni a casa. Certo, la gnagna newyorkese in confronto a quella reggiana deve essere molto competitiva da essere abbandonata così su due piedi ... :lol: :alcool:

Avatar utente
Donato
Most Improved Player
Messaggi: 280
Iscritto il: 19/04/2010, 22:14

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Donato » 26/11/2016, 15:50

crazycry10 ha scritto:Mussini è ormai la 4 guardia a St. John's...male male

Quarta (ancora) no perchè Ellison stenta ma bene o male non ci siamo neanche lontani visto che il Musso stenta molto a sua volta ... purtroppo ad ora non si può dir nulla, i suoi diretti concorrenti si stanno dimostrando nettamente superiori, LoVett per me è forte forte ed in queste prime partite lo sta dimostrando e Ponds sta facendo capire perchè era considerato un ottimo prospetto, magari ha dei buchi neri ogni tanto ma per essere un freshmen sta facendo ottime cose ... Mussini molto in chiaroscuro nei match che ho visto, 5 punti a partita non sono niente di che e lo zero contro Minnesota è brutto.

A livello di squadra SJU sta andando malino, passi che Mighin State era più forte, passi VCU (ed in queste due i Johnnies non hanno neanche sfigurato, se la sono battuta bene o male, cosa che l'anno scorso non succedeva), passi anche Minnesota in cui però già era una partita più aperta ma perdere anche contro Old Dominion non è un bel segnale (OD non è una squadraccia eh, ma sicuramente SJU avrebbe potuto fare di più); 4 L consecutive, record di 2-4 con un calendario assai ostico, ora il livello si abbassa nelle prossime partite quindi il record dovrebbe tornare positivo a breve.

Gli altri italiani ... molto bene Rhode Island, 5 vinte e una persa, solo contro la corazzata Duke, bella invece la W contro Cincinnati (io pensavo fossero sfavoriti lì), Akele è più o meno il "settimo uomo", però con una panca spesso sfruttata non granchè, nessuna prestazione di rilievo in un minutaggio che solitamente si attesta fra i 10 e i 15 minuti, però almeno è in una squadra vincente.

Vercellino con Northern Colorado parte sempre sempre nello starting five ma è quello che gioca meno, sempre attorno ai 15 minuti anche lui, nessuna prestazione di rilievo, nell'ultima 1 punto in 14 m; per loro bella figura contro la forte Arizona in cui hanno retto più di metà partita alla pari, ieri invece sconfitta prevedibile contro Bucknell, la prossima contro Oklahoma del fu Buddy Hield, dopo questa probabilmente torneranno anche le W.

De Nicolao invece gioca di più (attorno ai 30 di minutaggio) ma come prestazioni non è nè da infamia nè da lode, ieri seconda vittoria stagionale per UTAP con il nostro portacolori che tira male e si ferma a 6 punti e 3 assist, fanno più notizia invece i 9 punti con 8 assist nella (pesante) sconfitta contro Lamar, insomma per ora la squadra male (ma si sapeva) lui da 6 (ma sicuramente potrebbe far meglio).

UNC Asheville perde di quasi 40 punti contro Kansas, sconfitta scontata che chiude la serie di tre vittorie consecutive, da questi primi segnali secondo me nonostante molti stravolgimenti nel roster potrebbero comunque essere nella parti alte della Big South, ripetere l'impresa dell'anno scorso è assai complicato ma non lo vedo così impossibile come avrei potuto pensare un mese fà. Zilli parte titolare ma anche lui (come Vercellino) si assesta sempre attorno ai 15 minuti di utilizzo.

i Seattle di Ulaneo e Da Campo non saranno forti ma sono sicuramente spettacolari da vedere, penultima con supplementare (vinta), ultima con doppio supplementare (persa), ammetto di aver visto poco di loro rispetto alle altre squadre di italiani però insomma i segnali "di squadra" mi sembrano tutt'altro che incoraggianti. Da Campo è pressochè inutilizzato, Ulaneo ha collezionato due zero (punti) consecutivi ma si conferma comunque una discretta presenza sotto le plance (quasi 7 rimbalzi di media per ora).

@Gabbo, Arcidiacono è nella squadra D-League affiliata agli Spurs, sono ancora pochi mesi che è uscito dal college e credo voglia giocarsi tutte le sue chance per tentare un (quasi impossibile) approdo in NBA.

Avatar utente
Tragic Bronson
Stagione da rookie
Messaggi: 120
Iscritto il: 03/12/2015, 19:38
NBA Team: Spurs
Contatta:

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Tragic Bronson » 30/11/2016, 17:21

Salve ragazzi, recap appena sfornato e magrissimo (1W-4L) delle ultime partite.
http://www.italhoop.it/2016/11/30/notte ... asheville/

Zilli è l'unica nota positiva.
Zilli.
Contro una squadra di D-II.

Non so se rendo l'idea.


NB: E non vuole, ovviamente, essere una manifestazione di disistima verso lo Zillone nazionale. Semplicemente spiace vedere altri giocatori, dotati d'un talento più fulgido, raccogliere frutti tanto magri, finora.
NCAA (e ogni tanto qualcos'altro) su italhoop.it / basketballncaa.com / sportando.com

Avatar utente
Donato
Most Improved Player
Messaggi: 280
Iscritto il: 19/04/2010, 22:14

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Donato » 13/12/2016, 21:43

Aggiornamento sui nostri in NCAA:
La stagione di St. John's sembra volgere a sud, la squadra dopo la serie di 5 sconfitte consecutive aveva iniziato ad ingranare con 3 vittorie di fila, una peraltro molto convicente contro Fordham poi è svanito tutto con l'incredibile sconfitta contro la mediocre LIU Brooklyn; una partita incredibile con i Johnnies avanti anche di 10 che l'hanno letteralmente buttata con una prestazione difensiva ai limiti del ridicolo ed almeno una quindicina di punti letteralmente regalati agli avversari. Le prossime partite dicono Penn State e Syracuse, la prima in teoria non impossibile (ma dovessi scommettere andrei contro Mussini & Co.), la seconda molto sentita ma sicuramente più complicata (anche se l'anno scorso la vinsero e fu la miglior prestazione di squadra e di Mussini dell'annata 14/15).
La squadra sta sentendo la mancanza di LoVett che però dovrebbe rientrare a breve mentre invece perde definitivamente Sima che ha richiesto ed ottenuto il transfer, difficile capire il perchè ora, peccato perchè fra i bigmen era quello con più potenziale secondo me. Bene invece la definitiva esplosione del freshmen Ponds, che ormai si aggira spesso attorno ai 20 punti a partita, lui benissimo in praticamente tutto ma la difesa .. :? :?
Il Musso sta migliorando rispetto ad inizio stagione (anche a causa dell'infortunio di LoVett) e sono cinque partite consecutive che và in doppia cifra, fra cui i 20 punti contro Fordham, tira col 50% da tre (e questo soprattutto a causa della presenza di Ponds che a differenza dell'anno scorso è capace di attrare a sè la difesa e di fornire quindi dei bei tiri aperti) ma nella propria metà campo purtroppo è nettamente insufficente.

Si può parlare apertamente di crisi invece per quanto riguarda Rhode Island, ha perso 3 delle ultime 4 partite ed è ovviamente crollata nel ranking nazionale (prima era nelle top 25); Valparaiso, Providence e Houston hanno battuto i Rams che ora chiudono le ultime non-conference games contro Holy Cross e W&M; due partite da vincere per poi affiacciarsi ai primi match dell'Atlantic 10.
L'infortunio di Hassan Martin non ci voleva e Matthews deve essere meno incostante (30 punti nell'ultima dopo prestazioni più che rivebili in quelle precedenti) e più presente nel match se i Rams vogliono risalire la china.
Akele sempre poco significativo sul piano statistico anche se il minutaggio sembra pian piano aumentare (contro Providence e Old Dominiun è andato oltre i 20 minuti).

Andamento non certo brillante anche per Seattle, nell'ultimo match vincono di 5 contro i pessimi Arkansas-Pine Lions e arrivano a 5 vittorie complessive (5-5 il loro record) ma 3 di queste 5 sono contro università non di Division I; Da Campo vede il campo praticamente solo nel proprio cognome, ha evitato il DNP solo nell'ampissima vittoria di sabato scorso, 14 minuti, 4 punti e 7 rimbalzi, un buon bottino che magari potrebbe far capire al coach che forse sarebbe meglio utilizzarlo anche nelle restanti partite (anche se sembra di no visto che nella successiva è tornato a scaldare la panca); Ulaneo nell'ultimissimo match mette a segno il proprio career high con 12 punti (perfetto dal campo) in 10 minuti senza rimbalzi (strano per lui che ne ha 4 di media); speriamo possa ritagliarsi sempre un maggior ruolo.

Record di 3-6 per i Bears di Vercellino, ultimo match perso malamente nel secondo tempo contro l'ostica Colorado State (derby!); il minutaggio di Vercellino è in costante decrescita, dopo aver perso il posto da titolare ora sono 3 partite consecutive che non supera i 10 minuti di gioco, ovviamente a risentirne sono anche le sue statistiche che ormai sono tutte abbastanza piatte.

Record simile per UTSA, 3-7 per loro che però provengono da una vittoria (88-69 contro una squadra di Div. II), male il nostro De Nicolao che nonostante la pochezza degli avversari fà 0 punti in soli 15 minuti, periodo non felice per lui purtroppo, il tiro ad esempio proprio non sta andando come dovrebbe, peccato perchè in una squadra del genere avrebbe potuto e dovuto fare sicuramente di più.

Quello che se la passa meglio è sicuramente Zilli, UNC Asheville ha un record di 7-3 (la migliore per distacco nella sua conference) e viene da quattro vittorie consecutive (anche se l'ultima contro una squadra di Div. II); guardando il calendario potrebbero arrivare anche a vincerne 6 di fila visto che le due squadre della Southern (Greensboro e Western Carolina) sono ostiche ma battibili prima di incrociare nell'ultima non-conference game l'ex università di Della Valle ovvero Ohio State. Per Zilli il solito minutaggio limitato ma un contributo spesso abbastanza concreto in quei pochi minuti che gli vengono concessi, nell'ultima partita season high di 12 punti.

Qui gli HL di Mussini e la sua St. John's contro CSUN




... e qui quelli di Musso & Co. contro Fordham

Avatar utente
wisconsin
Most Valuable Player
Messaggi: 2483
Iscritto il: 18/07/2010, 21:29
NBA Team: italiani + timberwolves
Località: Hudson, Wisconsin (fu Genova)

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda wisconsin » 29/12/2016, 8:04

Nulla a che fare con gli Italiani, ma come li vedete i Gophers quest'anno? Hanno un record di 12-2 con una sola partita nella big ten persa in OT di un punto contro gli Spartans e con coach Izzo che ha dichiarato "la miglior squadra di Minnesota che ho visto in un po' di tempo"
"Rigore e' quando arbitro fischia!" Vujadin Boskov

MPM #9

Avatar utente
Donato
Most Improved Player
Messaggi: 280
Iscritto il: 19/04/2010, 22:14

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Donato » 29/12/2016, 21:31

wisconsin ha scritto:Nulla a che fare con gli Italiani, ma come li vedete i Gophers quest'anno? Hanno un record di 12-2 con una sola partita nella big ten persa in OT di un punto contro gli Spartans e con coach Izzo che ha dichiarato "la miglior squadra di Minnesota che ho visto in un po' di tempo"

Peronalmente li vedo bene, poi dipende sempre a cosa li si vuole paragonare, se il metodo di paragone è l'elitè della nazione allora siamo ancora due gradini sotto secondo me, se invece guardiamo alle ultime annate di Minnesota allora stanno facendo qualcosa di inaspettato ed incredibile ... infatti quello che salta all'occhio è il miglioramento esponenziale che hanno fatto, l'anno scorso erano arrivati ultimi nella Conference o giù di lì ... giocano anche bene in quelle occasioni in cui ho potuto vederli; inoltre hanno quel Coffey che sta davvero facendo bene, dovesse continuare a crescere così potrebbe rimanere buono anche in ottica secondo giro NBA/ alto livello europeo (ovviamente fra qualche anno), ed hanno anche McBrayer che è un bel giocatorino, sembra il fratello bravo rispetto a quello della scorsa stagione oltre a Mason sta giocando anch'esso un signor inizio di stagione.

Avatar utente
wisconsin
Most Valuable Player
Messaggi: 2483
Iscritto il: 18/07/2010, 21:29
NBA Team: italiani + timberwolves
Località: Hudson, Wisconsin (fu Genova)

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda wisconsin » 30/12/2016, 2:56

Donato ha scritto:
wisconsin ha scritto:Nulla a che fare con gli Italiani, ma come li vedete i Gophers quest'anno? Hanno un record di 12-2 con una sola partita nella big ten persa in OT di un punto contro gli Spartans e con coach Izzo che ha dichiarato "la miglior squadra di Minnesota che ho visto in un po' di tempo"

Peronalmente li vedo bene, poi dipende sempre a cosa li si vuole paragonare, se il metodo di paragone è l'elitè della nazione allora siamo ancora due gradini sotto secondo me, se invece guardiamo alle ultime annate di Minnesota allora stanno facendo qualcosa di inaspettato ed incredibile ... infatti quello che salta all'occhio è il miglioramento esponenziale che hanno fatto, l'anno scorso erano arrivati ultimi nella Conference o giù di lì ... giocano anche bene in quelle occasioni in cui ho potuto vederli; inoltre hanno quel Coffey che sta davvero facendo bene, dovesse continuare a crescere così potrebbe rimanere buono anche in ottica secondo giro NBA/ alto livello europeo (ovviamente fra qualche anno), ed hanno anche McBrayer che è un bel giocatorino, sembra il fratello bravo rispetto a quello della scorsa stagione oltre a Mason sta giocando anch'esso un signor inizio di stagione.

Grazie mille.
Non ho capito ancora troppo bene come ci si classifica alla march Madness, ma se Minnesota dovesse continuare di questo passo ci sono buone possibilita, giusto? Immagino conti di piu' il record nella Big10.
"Rigore e' quando arbitro fischia!" Vujadin Boskov

MPM #9

Avatar utente
Donato
Most Improved Player
Messaggi: 280
Iscritto il: 19/04/2010, 22:14

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Donato » 30/12/2016, 12:21

wisconsin ha scritto:
Donato ha scritto:
wisconsin ha scritto:Nulla a che fare con gli Italiani, ma come li vedete i Gophers quest'anno? Hanno un record di 12-2 con una sola partita nella big ten persa in OT di un punto contro gli Spartans e con coach Izzo che ha dichiarato "la miglior squadra di Minnesota che ho visto in un po' di tempo"

Peronalmente li vedo bene, poi dipende sempre a cosa li si vuole paragonare, se il metodo di paragone è l'elitè della nazione allora siamo ancora due gradini sotto secondo me, se invece guardiamo alle ultime annate di Minnesota allora stanno facendo qualcosa di inaspettato ed incredibile ... infatti quello che salta all'occhio è il miglioramento esponenziale che hanno fatto, l'anno scorso erano arrivati ultimi nella Conference o giù di lì ... giocano anche bene in quelle occasioni in cui ho potuto vederli; inoltre hanno quel Coffey che sta davvero facendo bene, dovesse continuare a crescere così potrebbe rimanere buono anche in ottica secondo giro NBA/ alto livello europeo (ovviamente fra qualche anno), ed hanno anche McBrayer che è un bel giocatorino, sembra il fratello bravo rispetto a quello della scorsa stagione oltre a Mason sta giocando anch'esso un signor inizio di stagione.

Grazie mille.
Non ho capito ancora troppo bene come ci si classifica alla march Madness, ma se Minnesota dovesse continuare di questo passo ci sono buone possibilita, giusto? Immagino conti di piu' il record nella Big10.

Ci si classifica vincendo il proprio torneo di Conference mentre i restanti posti sono dati da inviti della NCAA (ovviamente per merito ...) ... quindi l'unico modo certo è quello di vincere il torneo di Conference della Big10, non proprio la cosa più facile del mondo ...
Credo che comunque se Minnesota continua con questo trend anche contro le molte squadre toste della Big10 un posto per lei c'è ... anche se finora è vero che sta facendo bene ma è anche vero che quel 12-2 è frutto di partite spesso non impossibili, se non si scioglie contro le proprie avversarie di Conference un posto nel ballo non è utopia, però francamente non ci scommetterei.

Avatar utente
wisconsin
Most Valuable Player
Messaggi: 2483
Iscritto il: 18/07/2010, 21:29
NBA Team: italiani + timberwolves
Località: Hudson, Wisconsin (fu Genova)

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda wisconsin » 04/01/2017, 19:06

Pensieri su UCLA e Lonzo Ball (che nome del C..o, poverino)?
"Rigore e' quando arbitro fischia!" Vujadin Boskov

MPM #9

Avatar utente
wisconsin
Most Valuable Player
Messaggi: 2483
Iscritto il: 18/07/2010, 21:29
NBA Team: italiani + timberwolves
Località: Hudson, Wisconsin (fu Genova)

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda wisconsin » 08/01/2017, 7:29

Col permesso dei moderatori, posto qui il link agli articoli di un mio amico che segue i Gophers per la testata locale (paragonabile per tiratura a "il giornale"). Ovviamente tutti in inglese ma almeno avete una lente di ingrandimento sui sorprendenti Gophers

http://www.startribune.com/marcus-fuller/388384352/
"Rigore e' quando arbitro fischia!" Vujadin Boskov

MPM #9

Avatar utente
Donato
Most Improved Player
Messaggi: 280
Iscritto il: 19/04/2010, 22:14

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Donato » 10/02/2017, 15:50

wisconsin ha scritto:Pensieri su UCLA e Lonzo Ball (che nome del C..o, poverino)?

Forte, decisamente forte, straordinariamente forte ... poco da dire, mi ha impressionato tutte le volte che l'ho visto. Non vedo come possa uscire dalla top 3 del draft ed infatti non andrà più in basso a meno di qualche dose di droga pesante assunta da diversi GM al momento del draft.


Per quanto riguarda gli italiani ... la stagione di St. John's deve ancora prendere una piega, il record di 5-7 è positivo, ora però nelle ultime partite si traccierà il bilancio definitivo, date per praticamente perse quelle con Butler e Creighton saranno "decisive" in tal proposito quelle con Georgetown, Seton Hall, Providence e Marquette. Vincerne tre di queste sei renderebbe la stagione dei Red Storm estremamente positiva (secondo me).
Il Musso perso ormai definitivamente il posto da titolare offre spesso prestazioni in chiaroscuro, molto più scuro che chiaro, nel 2017 "belli" solo gli undici punti nell'ultimissima partita contro Villanova (campioni in carica e anche quest'anno una delle squadre migliore degli USA).

Una nota positiva è Nicola Akele.
Rhode Island dopo un inizio di conference da brividi ha vinto 6 delle ultime 7 e si è riportata nelle alte sfere della A10, ora sarà FONDAMENTALE la partita di stanotte contro Dayton. Akele, il cui minutaggio varia solitamente fra i 10 e i 15 minuti è stato uno dei migliori in campo nell'ultima partita contro UMass, 12 punti e 6 rimbalzi in 18 minuti; speriamo che il suo minutaggio possa sempre di più avvicinarsi ai 20 min. a partita.
Nella stessa conference di Akele ci sono anche gli Hawks di Oliva (out for season), come previsto la loro annata và a sud, sono terzultimi con un record di 3-8.

Seattle cerca di raddrizzare una stagione tutt'altro che brillante con 3 vittorie consecutive; la squadra è attualmente quinta nella WAC con concrete possibilità di guadagnare qualche posizione ma impossibile far meglio del terzo posto (le prime due sono lontane, inoltre Mexico State è decisamente più forte). Ulaneo entra dalla panca e ormai si è assestato intorno ai 15 minuti di utilizzo a partita (spesso è molto "solido" ma raramente offre prestazioni notevoli); Da Campo gioca solo nel garbage time, nell'ultimo match (vinto di 25) gli sono stati concessi 12 minuti in cui ha fatto registrare 5 punti, 3 rimbalzi e 3 assist; ormai la fine della stagione è alle porte, difficile che il coach possa cambiare idea su di lui.

UNC Asheville si conferma come una delle squadre più attrezzate della propria (modestissima) conference, nello scontro diretto al vertice vince dopo due overtime contro Winthrop e si porta in testa alla Big South. Il ruolo di Zilli non è chiarissimo ma in definitiva si può sicuramente dire che non è giocatore fondamentale per loro ecco ... :esd: ... il suo minutaggio si divide fra DNP, partite da una manciata di minuti ed exploit (rari ultimamente) di circa 15 minuti ... da segnalare i bei 11 punti fatti registrare contro Radford in soli 15 minuti.

Una squadra che secondo me sta rendendo meglio del previsto è invece UTSA, sono a metà classifica della loro conference con un record di 6-5 ma se non fosse stato per quelle 4 L consecutive a gennaio probabilmente sarebbero da soli al terzo posto ... ovviamente la Conference Usa, come la Big South di Zilli, è una conference di basso livello.
De Nicolao è l'unico dei nostri che è stato costantemente titolare e viaggia a più di 8 punti di media conditi da 3 rimbalzi e 3 assist, ultimamente sono anche molte le partite in cui ha fatto segnare più di 10 punti, fà eccezione l'ultima (fortunatamente vittoriosa) contro Southern Miss in cui ha stampato un ottimo 0/10 al tiro.

Male, ma si poteva immaginare ... anche i N. Colorado di Vercellino, record di 4-8 con una sola vittoria nelle ultime 8 gare che hanno trasformato una partenza sprint ad una squadra terzultima in Conference, il nostro Vercellino si è assestato sui 10 minuti di utilizzo ed ovviamente con così poco tempo a disposizione raramente brilla, le ultime volta in cui ha segnato più di 5 punti o più di 5 rimabalzi sono datate Novembre 2016.

Avatar utente
Gabbo
Il Mago
Messaggi: 7306
Iscritto il: 11/04/2007, 17:18

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Gabbo » 06/03/2017, 13:52

E' marzo e credo sia oramai tempo di iniziare a fare bilanci, come stanno andando i nostri in America?
"Dottor/
Professor/
Truffatore/
Imbroglione"

Avatar utente
Donato
Most Improved Player
Messaggi: 280
Iscritto il: 19/04/2010, 22:14

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda Donato » 06/03/2017, 20:15

Gabbo ha scritto:E' marzo e credo sia oramai tempo di iniziare a fare bilanci, come stanno andando i nostri in America?

Stanno iniziando i tornei delle Conference più importanti mentre alcune conference minori hanno già chiuso i battenti e "mandato" il proprio vincitore alla March Madness (che inizierà settimana prossima).
Inoltre moltissime partite saranno ad orari umani, quindi volendo sarà facile seguirli.

Il primo italiano che ha già finito la stagione ed anche la sua carriera in NCAA (essendo lui un senior, ovvero ultimo anno) è Zilli, la sua UNC Asheville partiva con la seconda testa di serie nella Big South ed era probabilmente la favorita (o comunque se la giocava con Winthrop) per fare doppietta e tornare al grande ballo dopo l'apparizione dell'anno scorso; invece i Bulldogs si sono fatti fregare da Campbell, una squadra che Zilli&Co. avevano battuta di almeno dieci punti in entrambe le partite in cui l'avevano incontrata in RS. Il torneo alla fine l'ha vinto Winthrop, presumibile una seed 15 o 16 per loro al torneo.
Zilli ha chiusa la sua carriera universitaria con un rimbalzo e zero punti in 4 minuti di utilizzo nella sconfitta contro Campbell.

Altro italiano che ha già chiuso la stagione è Vercellino, l'ha chiusa bene visto che nell'ultima partita di RS il nostro è stato uno dei migliori in campo con 13 punti (5/6 dal campo) e 5 rimbalzi in 20 minuti, in quella che è la sua miglior prestazione stagionale.
Dopo un anno da freshmen con molte più ombre che luci si spera che Vercellino possa ripartire da dove ha lasciato e puntare ad avere un minutaggio sostanzioso in campo, cosa che quest'anno non ha praticamente mai avuto.
Northern Colorado vince l'ultima e chiude 7-11 (11-18 complessivo), quindi male come da previsione, inoltre loro non partecipano neanche al torneo conclusivo della loro conference perchè sono stati esclusi (o meglio, per stare sicuri, si sono autoesclusi visto che la NCAA stava indagando) per motivi disciplinari.

Archiviata la stagione di loro due, rimangono ancora in corsa altri 5 italians.

De Nicolao chiude la sua RS con oltre 8 punti di media, conditi da 3 rimbalzi e 3 assist; considerando che è un freshmen ci si può ritenere abbastanza soddisfatti anche se ovviamente la sua squadra e la sua conference non sono certo Duke e la Big East per intendersi ...
UTSA chiude quasi in pari nella conference e con un record complessivo 13-18, nulla di cui esaltarsi ma qualcosa in meglio del previsto è (considerando soprattutto l'anno scorso) ... partono da seed #9 nel loro torneo, il primo ostacolo sarà Western Kentucky, una partita aperta sulla carta (anche se, se dovessi scommettere, andrei su WKU). In caso di vittoria poi ci sarebbe ai quarti lo spauracchio Middle Tennessee (la squadra che ha dominato la RS della Big Sky e che l'anno scorso fece scalpore facendo fuori Michigan State dal torneo NCAA).

Ulaneo chiude la sua RS con una media di 15 minuti a partita (4.4 ppg, 3.3 rpg, 0.9 apg); per Da Campo invece moltissimi DNP e qualche scampolo di veri match solo in questa ultimissima parte di stagione.
Seattle chiude con un deludente 13-16 ed è terzultima nella sua Conference, le premesse la vedevano sicuramente più in alto.
Nel torneo che partirà nei prossimi giorni (come seed #5) esordirà nei quarti contro Utah Valley (rivincita dell'ultimo match di RS in cui Ulaneo&Co. hanno perso), eventuale semifinale contro Cal State.

Rhode Island ha chiuso benino la stagione dopo un disastroso febbraio, i Rams si sono cacciati nei guai in ottica invito al torneo, è una di quelle squadre in bilico, probabilmente più fuori che dentro, dipenderà molto dalla prestazione che fornirà nel torneo di Conference, un eventuale finale darebbe probabilmente la certezza di esserci, un eliminazione ai quarti gliela precluderebbe definitivamente; Akele abbastanza deludente ultimamente tanto che il suo minutaggio è leggermente sceso rispetto a quello che gli veniva concesso ad inizio stagione, chiude la RS con una media di 13 minuti a partita (3.3 ppg, 2.5 rpg, 0.9 apg), annata insufficiente anche per lui.
Nel torneo per i Rams i quarti di finale saranno contro la vincente di St. Bonaventure vs (una fra St. Joseph's di Oliva e UMass), quella è una must win, poi in semifinale contro probabilmente Dayton bisognerà dare il tutto per tutto perchè quella potrebbe essere la partita decisiva per essere o meno al torneo.

Mussini ha chiuso la stagione con un'ottima prestazione contro Georgetown (16 punti in 20 min con 5/6 dal campo) per poi tornare alla normalità nelle successive partite, chiude con 18 minuti di utilizzo medio (8 ppg, 1.7 rpg, 0.9 apg), un decremento in tutte le aree rispetto all'anno scorso complice le esplosioni di LoVett e Ponds che oggettivamente gli sono superiori come giocatori; dovrà essere bravo a migliorarsi per mantenere questo ruolo di giocatore che può portare punti dalla panchina in una squadra che con ogni probabilità nei prossimi anni sarà in costante miglioramento come risultati.
St. John's chiude con un record di 13-18 ma con la consapevolezza di aver trovato un gran giocatore per il futuro in Shamorie Ponds; nel torneo saranno la seed #8, sfida contro Georgetown al primo turno in una partita fattibile, qualora dovesse arrivare la W ci saranno i quarti di finale contro Villanova, inutile dire chi sia la favorita.

Gli orari italiani (alcuni non sono sicuri al 100%) delle prossime :
Mercoledì pomeriggio alle 18.30 UTSA (De Nicolao) contro Western Kentucky; eventuale turno successivo giovedì pomeriggio sempre alle 18.30 italiane.
Notte fra mercoledì e giovedì all'1.00 St. John's (Mussini) contro Georgetown; eventuale turno successivo giovedì pomeriggio alle 18.00
Giovedì sera alle 23.00 Seattle (Ulaneo e Da Campo) contro Utah Valley, eventuale semifinale contro Cal State nella notte fra venerdì e sabato alle 03.00
Venerdì sera alle 20.30 i quarti di finale di Rhode Island (Akele) contro un avversario ancora da stabilire, eventuale semifinale sabato sera alle 19.00

magician3
Superstar NBA
Messaggi: 739
Iscritto il: 15/04/2014, 0:16

Re: NCAA 2015/2016 + 2016/2017: guida ai giovani italians

Messaggioda magician3 » 15/04/2017, 11:04

Non vorrei andare fuori tema ,ma parlando di giovani prospetti italiani, sapete dirmi che fine ha fatto Arcidiacono in Development league? E la sua pratica di nazionalizzazionem, va avanti? Ci contavo molto per il ruolo di play in nazionale....


Torna a “Mock Draft NBA e campionato NCAA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti