Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Le franchigie in cui non militano i nostri giocatori.
Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 0:46

serpico ha scritto:
Mikele ha scritto:Adesso aspetto di sentirmi dire che però il titolare (che ha giocato meno della riserva) è migliore perchè i minuti dispari contan più dei minuti pari e che la statistica va corretta


Minchia, sei veramente un disastro, non ci capisci una mazza :lol:


Panegirici sull'importanza di interpretare le stats, poi ti incagli davanti a due numerini in croce. Sarà l'età e il troppo tempo libero. Usalo a dovere: attendo con ansia la listona di tutti gli head coach migliori di TT negli ultimi 10 anni (poi magari ti rivelerò anche chi tra loro utilizza il Plus Minus :lol: ).

Chiunque può allenare in NBA :lol:



Sei tu che sei un fan totale della statistica (anche se non sapevi nemmeno COME vengono prese e prima o poi ne riparleremo)

Questo lo hai scritto tu no?
Viceversa, il Plus Minus, o meglio per non confondersi con il Plus Minus semplificato, l’ON/OFF court differenziale, non solo è una variabile importante, ma forse è, tra tutte, la variabile più importante.

Consente di fare una cosa molto semplice:

a partire da dati oggettivi semplici

media pesata per numero di possessi (e in genere proporzionata a 100 possessi) o di minuti (e in genere proporzionata a 36 minuti) di ((punti fatti con X in campo – punti subiti con X in campo)– (punti fatti con X in panchina – punti subiti con X in panchina)


e quindi non sensibili a possibili errori nelle convenzioni di raccolta dato (così sgombriamo subito il campo dagli equivoci delle "giovani" marmotte), è in grado di fornire una stima (stima) attendibile dell’impatto che tale giocatore ha avuto sulla squadra.



Sbaglio o dalle cifre dei Bulls salterebbe fuori che Mirotic avrebbe un impatto migliore di Noah e/o Gibson ?
In compenso Brooks meglio di Rose e Hinrich sarebbe meglio toglierlo

Poi vai a vedere i PO ed il coach che guarda il plus/minus..
Panca Mirotic e Brooks !!!
Mirotic 164 min
Gibson 276
Noah 395

ma perchè ????????
Ti vien mica il dubbio che qualcuno ti prenda per il culo dicendo che guarda il plus/minus e poi NON NE TIENE CONTO??
(tu devi essere uno che ha votato Berluska per 10 anni aspettando il milione di posti di lavoro, ora voti Renzi o forse Grillo perchè credi a quello che le spara più grosse)

Chiunque può allenare in NBA :lol:


Assolutamente sì ,esempi a caterve
Vincere però è un'altra cosa.
Ti garantisco che persino io (mai allenato in vita mia) avrei una stagione positiva con i 3 amigos di Miami

Poi c'è la questione "Far giocar bene"

Sedersi su una panca lo puoi fare persino tu o Mighty
Vincere con grossi giocatori idem
Creare un gioco senza magari i big..
No, lasciate perdere
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1

Avatar utente
Mike
All Star Game
Messaggi: 1345
Iscritto il: 29/08/2007, 13:46
Località: Breslavia (PL)

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mike » 07/08/2015, 9:16

Quindi ti sfugge il concetto di meritocrazia,

Un conto e' essersi meritato di rivestire una posizione,

Un altro e' soddisfare le aspettative di quella posizione.

La differenza e' sostanziale. Infatti in un paese come il nostro dove non c'e' non si soddisfa il punto uno, ma anche non soddisfando il punto 2 si rimane in sella.

Triano, MItchell etc, non hanno soddisfatto le aspettative di quella posizione e sono stati giustamente segati, dire che non si sono meritati di ricoprire quel ruolo, non puoi saperlo e non puoi giudicarlo, pur dall'alto della tua conoscenza.

Certo che ci fossero i campionati di tuttologia avremo gia' il nostro campione :-)
" La vita è quello che ti succede, mentre sei impegnato in altre cose"

Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 9:39

Mike ha scritto:Quindi ti sfugge il concetto di meritocrazia,


Aspetto che me lo spieghi

Un conto e' essersi meritato di rivestire una posizione,


Sì, ci siamo
Un altro e' soddisfare le aspettative di quella posizione.


E infatti avevo detto "chiunque si può sedere, poi vincere o far giocar bene è un altro conto"
Ma sul CHIUNQUE torniamo tra qualche riga

La differenza e' sostanziale. Infatti in un paese come il nostro dove non c'e' non si soddisfa il punto uno, ma anche non soddisfando il punto 2 si rimane in sella.


Non buttarla in politica dai..
Anche perchè in quel campo in Italia siam tornati all'età della pietra (purtroppo)
Triano, MItchell etc, non hanno soddisfatto le aspettative di quella posizione e sono stati giustamente segati, dire che non si sono meritati di ricoprire quel ruolo, non puoi saperlo e non puoi giudicarlo, pur dall'alto della tua conoscenza.


Triano aveva fatto un bel po' di assistentato sotto Mitchell
Meritava quella posizione? Francamente non direi
Lo han messo lì per liberarsi di Mitchell (partito con un "deludente" 8/9fino a fine anno (e ci sta), ha PESSIMI risultati (25/40)
E per meritocrazia... GLI PROLUNGANO IL CONTRATTO

Mitchell di assistentato aveva fatto 2 anni


Ma adesso ti faccio un esempio calcistico
Hai presente Moggi? Anzi no, diciamo un simil-Moggi, uno che si occupa del mercato di qualche squadra di calcio e che ha fatto il calciatore a ottimi livelli senza essere un fenomeno
Bene, il manager che tratta il calciomercato lo passano alla dirigenza, commenta un po' di partite in tv per Mediaset e poi per Sky, commenta persino i videogiochi del calcio

Tu lo assumeresti per allenare che ne so, la Sampdoria??
Per allenarla!! Non per fare il dirigente, gestire il calciomercato o altro, proprio in panca

Sarebbe meritocrazia? Non ha mai allenato !! (lasciam perdere il fatto che qui in Italia devi avere il patentino di Coverciano ecc)
Beh, in America lo han fatto. Parlo della NBA
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1

Avatar utente
mighty
the mirror climber
Messaggi: 5522
Iscritto il: 11/11/2007, 0:17

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda mighty » 07/08/2015, 10:56

certo, chiunque puo' anche sedersi in cabina di pilotaggio di un 767...poi certo farlo volare e' un'altra cosa.
Ah, e tra l'altro a te Lebron o Kobe ti avrebbero gia' fatto piangere dopo 2 settimane...
"In da hood non ne esci vivo" (cit.)

Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 11:24

mighty ha scritto:certo, chiunque puo' anche sedersi in cabina di pilotaggio di un 767...poi certo farlo volare e' un'altra cosa.


Mica tanto
per farlo volare e centrare un paio di torri non son servite migliaia di ore di volo
O no?
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1

Verdiglione
Free Agent!
Messaggi: 423
Iscritto il: 18/03/2013, 12:18

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Verdiglione » 07/08/2015, 11:46

Mikele ha scritto:http://www.82games.com/1415/1415CHI.HTM

Lo ammetto, son smentito su tutta la linea [cit.]
:cartello_lol: :cartello_lol: :cartello_lol: :cartello_lol:

p.s. Adesso aspetto di sentirmi dire che però il titolare (che ha giocato meno della riserva) è migliore perchè i minuti dispari contan più dei minuti pari e che la statistica va corretta (con la grappa direbbe Mago Romano)

Sarei curioso di sentire il parere anche di "Uno dei più grandi allenatori del decennio" , visto che si tratta della SUA squadra
Quintetti inspiegabili nei PO a dar retta a quella roba là


Ecco, questo è un buon esempio per dimostrare come si possa arrivare ad una conclusione sbagliata partendo dalla lettura di una statistica.
Come in tutte le cose la discriminante è la conoscenza e l'intelligenza di chi fa i ragionamenti.
In questo caso tu lo fai evidentemente apposta, ma è chiaro che non è la statistica ad indurre in errore ma l'analisi che se ne fa.

Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 12:06

Verdiglione ha scritto:
Mikele ha scritto:http://www.82games.com/1415/1415CHI.HTM

Lo ammetto, son smentito su tutta la linea [cit.]
:cartello_lol: :cartello_lol: :cartello_lol: :cartello_lol:

p.s. Adesso aspetto di sentirmi dire che però il titolare (che ha giocato meno della riserva) è migliore perchè i minuti dispari contan più dei minuti pari e che la statistica va corretta (con la grappa direbbe Mago Romano)

Sarei curioso di sentire il parere anche di "Uno dei più grandi allenatori del decennio" , visto che si tratta della SUA squadra
Quintetti inspiegabili nei PO a dar retta a quella roba là


Ecco, questo è un buon esempio per dimostrare come si possa arrivare ad una conclusione sbagliata partendo dalla lettura di una statistica.
Come in tutte le cose la discriminante è la conoscenza e l'intelligenza di chi fa i ragionamenti.
In questo caso tu lo fai evidentemente apposta, ma è chiaro che non è la statistica ad indurre in errore ma l'analisi che se ne fa.


Io non arrivo a conclusioni
Mi limito a far notare che altri han detto che quella statistica è fantastica, la migliore, imprescindibile ecc
Poi però noto che un tecnico che DICE di usare quella statistica non metta in quintetto Mirotic ad es. o persista su Noah lasciando a Gibson scampoli
E scampolissimi per un Brooks che pure aveva avuto un grande impatto

Io sospetto che qualcuno (un Thib a caso) dica qualcosa a proposito di quella stat ma poi si comporti altrimenti

Comunque son pronto ad ascoltare la tua interpretazione di quelle statistiche
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1

Avatar utente
Mike
All Star Game
Messaggi: 1345
Iscritto il: 29/08/2007, 13:46
Località: Breslavia (PL)

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mike » 07/08/2015, 12:13

Mikele ha scritto:
Mike ha scritto:Quindi ti sfugge il concetto di meritocrazia,


Aspetto che me lo spieghi

Un conto e' essersi meritato di rivestire una posizione,


Sì, ci siamo
Un altro e' soddisfare le aspettative di quella posizione.


E infatti avevo detto "chiunque si può sedere, poi vincere o far giocar bene è un altro conto"
Ma sul CHIUNQUE torniamo tra qualche riga

La differenza e' sostanziale. Infatti in un paese come il nostro dove non c'e' non si soddisfa il punto uno, ma anche non soddisfando il punto 2 si rimane in sella.


Non buttarla in politica dai..
Anche perchè in quel campo in Italia siam tornati all'età della pietra (purtroppo)
Triano, MItchell etc, non hanno soddisfatto le aspettative di quella posizione e sono stati giustamente segati, dire che non si sono meritati di ricoprire quel ruolo, non puoi saperlo e non puoi giudicarlo, pur dall'alto della tua conoscenza.


Triano aveva fatto un bel po' di assistentato sotto Mitchell
Meritava quella posizione? Francamente non direi
Lo han messo lì per liberarsi di Mitchell (partito con un "deludente" 8/9fino a fine anno (e ci sta), ha PESSIMI risultati (25/40)
E per meritocrazia... GLI PROLUNGANO IL CONTRATTO

Mitchell di assistentato aveva fatto 2 anni


Ma adesso ti faccio un esempio calcistico
Hai presente Moggi? Anzi no, diciamo un simil-Moggi, uno che si occupa del mercato di qualche squadra di calcio e che ha fatto il calciatore a ottimi livelli senza essere un fenomeno
Bene, il manager che tratta il calciomercato lo passano alla dirigenza, commenta un po' di partite in tv per Mediaset e poi per Sky, commenta persino i videogiochi del calcio

Tu lo assumeresti per allenare che ne so, la Sampdoria??
Per allenarla!! Non per fare il dirigente, gestire il calciomercato o altro, proprio in panca

Sarebbe meritocrazia? Non ha mai allenato !! (lasciam perdere il fatto che qui in Italia devi avere il patentino di Coverciano ecc)
Beh, in America lo han fatto. Parlo della NBA


Io non so cosa tu faccia nella vita, ma non e' che uno si ritrova dirigente cosi di punto in bianco (ovvio che ci sono dei casi italiani che dicono il contrario), ma stiamo parlando di altro.

Usero' degli argomenti semplici adatti per la discussione, in modo che sia facile comprendere

Se tu a lavoro dimostri di essere bravo in una posizione junior e' probabile che tu venga promosso, se poi dimostri di essere bravo anche in quella arrivi ad una posizione senior, poi se sei bravo anche li magari vieni fatto quadro e poi dirigente,

qui magari cominciano i problemi in quanto , in via ipotetica, non reggi la pressione, le tue capacita' organizzative non sono adeguate per fare il dirigente, mentre eri un bravo senior.

Vuoi dipingere la realta' come non e', forse per frustrazioni, ma non si diventa allenatori NBA da un giorno all'altro solo perche' passavi per strada. Dai e' ridicolo solo pensarlo.

Avanti cosi verso l'assurdita' e non stiamo parlando di un post perfetto di ernie (se non mi ricordo male).
" La vita è quello che ti succede, mentre sei impegnato in altre cose"

Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 12:21

Mike ha scritto:
Io non so cosa tu faccia nella vita, ma non e' che uno si ritrova dirigente cosi di punto in bianco (ovvio che ci sono dei casi italiani che dicono il contrario), ma stiamo parlando di altro.


Lasciam fuori l'Italia per carità di DIo

Usero' degli argomenti semplici adatti per la discussione, in modo che sia facile comprendere

Se tu a lavoro dimostri di essere bravo in una posizione junior e' probabile che tu venga promosso, se poi dimostri di essere bravo anche in quella arrivi ad una posizione senior, poi se sei bravo anche li magari vieni fatto quadro e poi dirigente,

qui magari cominciano i problemi in quanto , in via ipotetica, non reggi la pressione, le tue capacita' organizzative non sono adeguate per fare il dirigente, mentre eri un bravo senior.


Bene, immagino che per un motivo o per l'altro tu possa essere mandato via
O anche lasciare il lavoro
Ed è proprio il caso del simi-Moggi che citavo
Non era più dirigente da un bel po'
Faceva telecronache

Vuoi dipingere la realta' come non e', forse per frustrazioni, ma non si diventa allenatori NBA da un giorno all'altro solo perche' passavi per strada. Dai e' ridicolo solo pensarlo.


LA domanda è : ma hai capito di chi sto parlando?
3 anni di dirigenza e poi un bel po' fuori dal mondo del basket giocato
Ma anni, mica mesi
Eppure lo fanno coach. Mica assistant , proprio head coach

Meritocrazia??? O una pura e semplice scommessa?
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1

skip to my lou
All Star Game
Messaggi: 1203
Iscritto il: 11/12/2008, 20:02

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda skip to my lou » 07/08/2015, 13:22

serpico ha scritto:Ho capito, non conta nemmeno che molti staff NBA giudichino il Plus Minus individuale come una delle stats più importanti. La conclusione è sempre che sono tutti dei fessi. A questo punto credo sia inutile citare anche George Karl e Stan Van Gundy, altri assidui utilizzatori del Plus Minus individuale. Thibodeau non è uno dei più grandi e Spoelstra è evidentemente l’ultimo degli incapaci, capitato lì per caso, perché Pat Riley, altro cretino, è sicuro che lo abbia scelto a caso e non perché si sia distinto nell’estrema ossessività nell’approccio analitico alle gare.

Insomma, smentiti su tutta la linea, si avventurano ora in una nuova e terrificante linea di argomento su “CHIUNQUE può sedersi su una panca della NBA” :lol:


Brrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr



stan van gundy sarà felicissimo di valutare con il plus minus la sua squadra di falliti perdenti assemblata a casaccio dal peggior dg della lega e avallata dal peggior allenatore della lega che guarda caso sono la stessa persona. chiamare in causa van gundy vuol dire a priopri avere torto.
thibodeau è il miglior assistant coach della lega e il peggior head coach della lega, sta bene nel suo angolino a mnasturbarsi pensando alla difesa ma non è assolutamente in grado di gestire uan squadra da capo allenatore.. troppo estremista, troppo talebano, troppo perdente.
spoelstra è un grandissimo lavoratore che con gli anni, con l'aiuto di riley e con l'aiuto di alcuni dei migliori giocatori del pianeta è diventato un buyon coach, nulla più. inutile ricordare i rumors che volevano spoelstra come fantoccio messo li da riley per fargli allenare la squadra durante la stagione per poi esonerarlo e far ridiscendere in panchina il vecchio Pat in vista dei po, come gia fatto dallo stesso riley con quel fantoccio di vangundy cacciato giusto in tempo per far vincere un'altro anello al vecchio irlandese, il primo nella storia degli heat. ricordo una dfichiarazione di buffa che riprendendo un'intervista dio shaq definiva van gundy un buon stalliere ma di come i cavalli di razza dell'nba abbiano bisgno non di un buon stalliere ma di sentire le redini di un grande fantino. (aka riley, jackson, pop etc etc, questi si dei grandi allenatori)
SBRUFFONAGGINE PER BARGNANI NR 1

skip to my lou
All Star Game
Messaggi: 1203
Iscritto il: 11/12/2008, 20:02

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda skip to my lou » 07/08/2015, 13:31

Mikele ha scritto:
Mike ha scritto:
Io non so cosa tu faccia nella vita, ma non e' che uno si ritrova dirigente cosi di punto in bianco (ovvio che ci sono dei casi italiani che dicono il contrario), ma stiamo parlando di altro.


Lasciam fuori l'Italia per carità di DIo

Usero' degli argomenti semplici adatti per la discussione, in modo che sia facile comprendere

Se tu a lavoro dimostri di essere bravo in una posizione junior e' probabile che tu venga promosso, se poi dimostri di essere bravo anche in quella arrivi ad una posizione senior, poi se sei bravo anche li magari vieni fatto quadro e poi dirigente,

qui magari cominciano i problemi in quanto , in via ipotetica, non reggi la pressione, le tue capacita' organizzative non sono adeguate per fare il dirigente, mentre eri un bravo senior.


Bene, immagino che per un motivo o per l'altro tu possa essere mandato via
O anche lasciare il lavoro
Ed è proprio il caso del simi-Moggi che citavo
Non era più dirigente da un bel po'
Faceva telecronache

Vuoi dipingere la realta' come non e', forse per frustrazioni, ma non si diventa allenatori NBA da un giorno all'altro solo perche' passavi per strada. Dai e' ridicolo solo pensarlo.


LA domanda è : ma hai capito di chi sto parlando?
3 anni di dirigenza e poi un bel po' fuori dal mondo del basket giocato
Ma anni, mica mesi
Eppure lo fanno coach. Mica assistant , proprio head coach

Meritocrazia??? O una pura e semplice scommessa?



kerr.

comunque credo che sia più corretto definire l'america il paese delle opportunità più che della meritocrazia.
anche la è pieno di esempi di gente poco meritevole che per conoscenze ricopre ruoli importanti (soprattutto nel mondo dello sport dove più che il merito conta "da dove vieni", cioè da che college provieni..vedasi lettner che spinto dalla potentissima duke si aggrega al dream team, vedasi plumlee che è una chiavica pazzesca ma è nel team usa di coach k, vedasi tutta la posse dei tar heels di north carolina che si aiutano a vicenda al di la del merito (ultimo esempio psyco t chiamato da jordan a charlotte), la mafia dei lunghi di georgetown, la cricca di uconn. per non parlare di altri sport come nfl (dinastia manning ad esempio) o mlb
SBRUFFONAGGINE PER BARGNANI NR 1

Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 13:38

skip to my lou ha scritto:
serpico ha scritto:Ho capito, non conta nemmeno che molti staff NBA giudichino il Plus Minus individuale come una delle stats più importanti. La conclusione è sempre che sono tutti dei fessi. A questo punto credo sia inutile citare anche George Karl e Stan Van Gundy, altri assidui utilizzatori del Plus Minus individuale. Thibodeau non è uno dei più grandi e Spoelstra è evidentemente l’ultimo degli incapaci, capitato lì per caso, perché Pat Riley, altro cretino, è sicuro che lo abbia scelto a caso e non perché si sia distinto nell’estrema ossessività nell’approccio analitico alle gare.

Insomma, smentiti su tutta la linea, si avventurano ora in una nuova e terrificante linea di argomento su “CHIUNQUE può sedersi su una panca della NBA” :lol:


Brrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr



stan van gundy sarà felicissimo di valutare con il plus minus la sua squadra di falliti perdenti assemblata a casaccio dal peggior dg della lega e avallata dal peggior allenatore della lega che guarda caso sono la stessa persona. chiamare in causa van gundy vuol dire a priopri avere torto.


Io mi ero volutamente e dichiaratamente astenuto dal parlare di quello col nome da Stanlio e la pancia di Ollio.
Tanto sapevo che saresti arrivato tu :lol:
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1

ernie
Stagione da Sophomore
Messaggi: 246
Iscritto il: 01/07/2013, 9:51

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda ernie » 07/08/2015, 13:53

Mike ha scritto:Se tu a lavoro dimostri di essere bravo in una posizione junior e' probabile che tu venga promosso, se poi dimostri di essere bravo anche in quella arrivi ad una posizione senior, poi se sei bravo anche li magari vieni fatto quadro e poi dirigente,

qui magari cominciano i problemi in quanto , in via ipotetica, non reggi la pressione, le tue capacita' organizzative non sono adeguate per fare il dirigente, mentre eri un bravo senior.



Altrimenti detto "Principio di Peter".

skip to my lou
All Star Game
Messaggi: 1203
Iscritto il: 11/12/2008, 20:02

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda skip to my lou » 07/08/2015, 14:01

serpico ha scritto:
Mikele ha scritto:Adesso aspetto di sentirmi dire che però il titolare (che ha giocato meno della riserva) è migliore perchè i minuti dispari contan più dei minuti pari e che la statistica va corretta


Minchia, sei veramente un disastro, non ci capisci una mazza :lol:

Panegirici sull'importanza di interpretare le stats, poi ti incagli davanti a due numerini in croce. Sarà l'età e il troppo tempo libero. Usalo a dovere: attendo con ansia la listona di tutti gli head coach migliori di TT negli ultimi 10 anni (poi magari ti rivelerò anche chi tra loro utilizza il Plus Minus :lol: ).

Chiunque può allenare in NBA :lol:



riley
jackson
pop
nelson
rivers
l brown
carlisle
doug collins
mc millan
adelmann
blatt
mike fratello
skiles
kidd
tomjanovich
SBRUFFONAGGINE PER BARGNANI NR 1

Avatar utente
Mikele
Most Valuable Player
Messaggi: 2127
Iscritto il: 06/12/2013, 16:52
NBA Team: NY Knicks per ora

Re: Stats - Quando l'NBA dà i numeri

Messaggioda Mikele » 07/08/2015, 14:13

Al listone aggiungerei Hollins (che ha "creato" Memphis), forse Stevens (che ha fatto davvero le nozze coi fichi secchi ed è da valutare ), Woodson ad Atlanta era andato bene (poi a NY ha fatto quel che fatto, o meglio non ha fatto nulla di nulla), poi ci sarebbe Karl, anche Gentry che qualcosina ha combinato (finals West con quel materiale??Minchia!)
E magari è proprio lui l'assistant di Kerr che gli ha suggerito l'esclusione di Bogut
16.2.2014
viewtopic.php?f=16&t=2578&start=1605
Mikele ha scritto:Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare
E Belinelli smette



Resistenza Azzurra #1


Torna a “Altre squadre NBA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti